Paura

Sento che mi sto allontanando dalla vita, però il cuore continua a battere, forse anche più forte di prima. Sguardo perso in una buia strada deserta e ricoperta di foglie, aspetto che un squarcio di sole illumini il mio turtuoso cammino.

Il dolore, la paura del futuro così incessantemente distrugge i nostri indifesi cuori persi in questa confusione disillusa.

Mi sento così fuori dalle righe, dentro in un vestito troppo stretto, ho paura di non riuscire più a respirare. Le nostre dita si stringono e incrociano con forza. Delle lacrime scendono sul mio viso, e distruggono te, uomo.

Il vento spazza via le foglie secche, morte. E noi, lì immobili, abbracciati a chiedersi cosa ne sarà.

Fulmine a ciel aperto

Improvvisamente, qualcosa è accaduto.

Un bicchiere è caduto sul pavimento spaccandosi in frammenti.

Qualcosa si è rotto, stravolgendo la tua vita.

La sofferenza ti mangia lo stomaco,

un nodo in gola,

le lacrime ti inondano

sentendoti perso e solo.

Abbandonato,

separato da lei

senti un vuoto dentro

che mai si colmerà.

Rimarrà dentro di te

e ritornerà a torturarti

lacerando quel che resta dei stracci del tuo cuore.

Senti la voglia di toccare quella persona

ma ormai si è dissolta nell’aria.

Stasera sto rivivendo le stesse sensazioni. E capisco che la vita va vissuta custodendo  il meglio che la gente ci ha dato.

L’orgoglio costrusce muri.

Muri che in un futuro ti faranno avere rimpianti che ti perseguiteranno per tutta la vita.

Il mio è un muro che mai riuscirò a distruggere

e che si distruggerà quando sarà troppo tardi.

Sole spento

Pensieri inondano la mia mente, giunti  in una sera fredda e tanto amara.

Un eclissi dove la tua anima viene oscurata da paure.

Paure che non riesci a scrollarti da dosso perché in te domina l’incertezza del domani.

Io, regina delle lacrime stasera ho sofferto dentro. Non sono riuscita a tirar fuori il mio strazio per te. Più il tempo passa e più mi sento inutile, incapace di aiutarti.

E confesso di avere anch’io paura di come questa nube oscura ti stia avvolgendo e intrappolando così tanto da non riuscire più a sfuggirne.

Questa sera ho scoperto un sole nero in te, che non riesce a ritrovare la sua luce.

Voglio strapparti da questo oblio

riaccendere la tua fiamma,

defibrillare il tuo cuore

e tener vivo il tuo nascosto ardore.

Quella luce ritornerà e si trasformerà in un bagliore,

così acciecante e meraviglioso

da oscurare questi pensieri per sempre.